funicolare di Petrin

Funicolare di Petřín

Salire a bordo della Funicolare di Petrin è sicuramente il modo più comodo per raggiungere la cima dell’omonima collina, che si trova al di sopra di Malá Strana ed è ricca di attrazioni.

La funicolare ha iniziato a funzionare nel lontano 1891. Nel corso degli anni è stata modificata, chiusa per lunghi periodi, modernizzata, e oggi rappresenta una grande attrazione turistica di Praga, che vi consigliamo di non perdere. Le due cabine della funicolare percorrono 510 metri e superano un dislivello di 130 metri, con una velocità di 4 metri al secondo che vi permetterà di arrivare a destinazione in quattro minuti.

L’alternativa per arrivare sulla collina è una bella passeggiata a piedi o, per meglio dire, una piccola e affascinante arrampicata in salita! Se l’idea di affrontare la pendenza vi piace, procedete senza indugio sulle vostre gambe, in caso contrario optate per la funicolare.

Dove prendere la funicolare, orari e biglietti

La funicolare è aperta dalle 9.00 fino alle 23.30 (da aprile a ottobre) o fino alle 23.20 (da novembre a marzo) ed è collegata alla rete dei tram attraverso la fermata di Újezd.

Le fermate sono tre: Újezd, la stazione intermedia di Nebozízek e infine Petřín (dove si trova anche un’esposizione permanente sulle funicolari di Praga).

La frequenza delle corse è buona: ogni 10 minuti nel periodo estivo, e ogni 15 in quello invernale.

Il biglietto è quello dei trasporti pubblici, con i seguenti prezzi:

  • Adulti (dai 15 anni in su) – 32 CZK (biglietto singolo ordinario 90 minuti), 24 CZK (di breve durata, 30 minuti);
  • Bambini dai 6 ai 15 anni e anziani dai 60 ai 65 anni – 16 CZK ordinario / 12 CZK di breve durata.

Maggiori informazioni sui biglietti per il trasporto pubblico di Praga sono disponibili qui.

Le bellezze della collina di Petrin

Le colline che circondano Praga sono numerose, ma quella di Petrin è perfettamente riconoscibile grazie alla sua torre panoramica, che campeggia sulla sommità e riproduce, in dimensioni ridotte, la Torre Eiffel di Parigi. In passato vitigno di Re Carlo, la collina è un’area verde che da sempre affascina chiunque la visiti: dagli scrittori cecoslovacchi come Franz Kafka e Milan Kundera, che l’hanno descritta nelle loro opere, ai comuni cittadini di Praga, ai turisti di tutto il mondo.

Le principali attrazioni e i monumenti che troverete sulla collina:

  • La torre panoramica (la “Piccola Torre Eiffel“), che ha un’altezza di 63,5 metri e si può visitare a pagamento; il biglietto di base costa 120 CZK, quello ridotto 65 CZK, quello familiare 300 CZK. A meno che non decidiate di prendere l’ascensore (e in questo caso dovrete versare un sovrapprezzo di 60 CZK o 30 CZK)… gambe in spalla! Bisogna affrontare 299 gradini, ma la piccola fatica sarà ampiamente ripagata dalla meravigliosa vista panoramica che si gode dal ballatoio superiore; potrete ammirare tutta la città e, se il tempo sarà clemente, anche buona parte della regione Boema.
  • Il simpatico Labirinto degli specchi, vicino alla torre panoramica, che divertirà piccoli e grandi (biglietto intero 90 CZK, ridotto 65 CZK, familiare 250 CZK). Cercate l’ingresso dell’edificio, che somiglia ad un castello, e preparatevi a ridere (molto!) vedendo la vostra immagine riflessa e distorta dagli speciali specchi.
  • L’Osservatorio astronomico Štefánik, con le sue intriganti attrezzature tecniche e l’esposizione di astronomia, che permette ai visitatori l’osservazione del cielo sia di giorno, sia di notte (biglietto interno 90 CZK, ridotto 65 CZK, familiare 250 CZK).
  • Giardini di Petrin sull'omonima collina
    Giardini di Petrin
  • I Giardini di Petrin, dove passeggiare e rilassarsi; in particolare il profumato Giardino delle Rose, il Giardino dei Kinský e il Giardino del Seminario ricchissimo di alberi da frutta.
  • Il Muro della fame, una cinta di fortificazioni difensive lunga 1200 metri, che attraversa il Parco di Petrin con i suoi caratteristici merletti, le feritoie e i bastioni. Si racconta che questo muro fu fatto costruire da Carlo IV per sfamare la popolazione bisognosa in periodo di carestia, in cambio di vitto e alloggio. Vicino al muro si trova un famoso monumento dedicato alle vittime del comunismo, opera di Olbram Zoubek.
  •  

  • Il Monastero di Strahov, un complesso religioso fondato nel 1140 che comprende la Chiesa dell’Assunzione della Vergine Maria, due biblioteche e delle sale magnifiche.

Infine, meritano attenzione anche la Chiesa di San Lorenzo sotto Petřín, con le sue tre torri, e la piccola Chiesa dell’Arcangelo Michele in stile ortodosso, trasferita a Praga dalla città di Mukačeve in Ucraina.

Anche se il vostro viaggio a Praga dura pochi giorni, cercate di visitare la collina di Petrin: c’è davvero tanto da vedere e vi piacerà.

Quanto hai trovato utile questo articolo?

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Lascia un voto per prima/o)
Loading...
  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.